Sistemi di raffrescamento – Fog e cooling system per esterni

Quante volte ci sarà capitato di soffrire il caldo d’estate negli ambienti esterni, quando oltre all’irraggiamento del sole del pomeriggio soffriamo per la mancanza di un soffio di vento?

raffrescamentoIn queste condizioni un ventilatore riesce a dare qualche giovamento, ma il più delle volte solo a movimentare un’aria dannatamente tiepida. I più fortunati si tappano allora dentro casa e mettono in funzione l’impianto di condizionamento, ma non tutti hanno questa possibilità o sono insensibili a costose bollette energetiche.

Il problema del raffreddamento delle aree esterne non sempre è sentito, in quanto l’umidità della notte e le brezze sono spesso di aiuto, ma sono sempre più frequenti quelle serate in cui si respira perfino a fatica e non bastano decine di fazzoletti ad asciugare tutto il sudore prodotto.

Una volta, ospite di alcuni amici in un giardino, mi è capitato di assistere all’apertura manuale di un impianto di irrigazione per scopi refrigeranti. Il beneficio era palbabile, ma non bisogna pensare che il calore sia divenuto accettabile per una mediazione della temperatura dell’acqua con quella dell’aria, il fenomeno era un po’ più complesso, ovvero, col calore l’acqua evapora e per farlo essa sottrae energia dall’ambiente sotto forma di calore.

E più acqua si riesce a far evaporare, più la sottrazione di temperatura è evidente.

Questo fenomeno è direttamente proporzionale alla ventilazione ed inversamente alla grandezza delle particelle d’acqua. Infatti, se facendo funzionare un impianto di irrigazione mettiamo in funzione anche dei ventilatori, l’effetto desiderato aumenta ed è ancora più evidente se gli irrigatori sono di tipo statico e la pressione di funzionamento elevata, ovvero superiore ai 35-40 bar.

Questo, ovviamente, può rappresentare un sistema artigianale per ottenere un abbassamento della temperatura in un giardino, ma è chiaro che non è del tutto piacevole scansare gli spruzzi indesiderati od accomodarsi lontano da essi. Esiste però un impianto del tutto simile che evita la possibilità di docce indesiderate che si basa sull’erogazione di acqua mediante nebulizzatori ad alta pressione; la nuvola che ne deriva è composta da particelle così microscopiche che evaporano prima di toccare terra evitando di bagnare persone e cose.

Per una zona di circa 40-50 mq sono sufficienti una decina di nebulizzatori innestati in un tubo in resina plastica, ogni ugello dissipa 4 lt. di acqua ogni ora con una pressione di 60 bar. Il tubo può seguire qualsiasi tracciato grazie ad una raccorderia ad innesto molto semplice da utilizzare e ad un diametro ridotto in modo da essere facilmente mimetizzato.

Il cuore dell’impianto è invece rappresentato da una pompa ad alta pressione che si collega da un lato all’impianto idrico domestico e dall’altro alla tubazione portante i nebulizzatori, oltre, ovviamente, la presa dell’energia elettrica.

E’ facile comprendere che chiunque può essere in grado di montare un impianto nebulizzatore di modeste dimensioni, come pure che sia necessario rivolgersi ad un esperto per realizzazioni più complesse o quando si debbano adottare particolari accorgimenti per nascondere alla vista tubazioni ed ugelli.

In ogni caso il costo di esercizio sarà solo di qualche euro per diverse ore di funzionamento.

micronebulizzazioneEsistono poi impianti “compatti” costituiti da ventilatori sulle cui eliche si micronizza dell’acqua e dove l’alimentazione idrica si effettua tramite il collegamento alla rete domestica o, in mancanza, con un serbatoio di limitate dimensioni.

Tali sistemi hanno un costo minimo che si aggira intorno a qualche migliaio di euro per la fornitura in Kit, e sono utilizzabili nei contesti più diversi che vanno dagli spazi esterni dei locali di ristorazione fino ai parchi di divertimento, piscine, negozi, discoteche ecc. ovvero in tutti quei luoghi dove è necessario migliorare le condizioni di ricettività soggette al pubblico.

Per eventuali necessità, è possibile contattare la Garden Studio Napoli o compilare il form del sito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *